Grigna Meridionale
Primo Magnaghi
Il chiodo del Bigio

Via costretta tra la Panzeri e la Vitali. Per questo motivo non è un itinerario esaltante, il secondo tiro di 7a è molto bello nonostante la roccia un po' da ripulire. La chiodatura è ottima a fix, misti di 8mm e 10mm, sia alle soste che lungo i tiri. Scriteriata la chiodatura del terzo tiro in quanto ha dei tratti “lunghi” senza senso! Infatti, basta spostarsi di pochi metri per trovarsi prima sulla via Panzeri, e poi sulla via Vitali. Rischiare di farsi male su una via del genere è veramente assurdo!! L'ultimo tiro di 15m non l'abbiamo percorso per non dover salire in cima al Torrione per iniziare la discesa, siamo scesi dalle soste della Panzeri. La via merita una ripetizione.

REGIONE:
Lombardia

GRUPPO MONTUOSO:
Grigna Meridionale

LUNGHEZZA:

110m circa di sviluppo (4 lunghezze)

DIFFICOLTÁ:

7a

ESPOSIZIONE:

Ovest

MATERIALE CONSIGLIATO:

Rinvii, qualche friends medio piccolo.

TIPO DI ROCCIA:

Calcare molto compatto, il tiro chiave ha qualche scaglia friabile.

APRITORI:

Bruno Quaresima, Eugenio Pesci il 24 agosto 2003

PERIODO CONSIGLIATO:

Da maggio a settembre

ACCESSO STRADALE:

Da Lecco si seguono le indicazioni per la Valsassina. Raggiunta Ballabio salire ai Pian dei Resinelli e il rifugio Carlo Porta.

AVVICINAMENTO:

Dal rifugio seguire il sentiero della cresta Cermenati sino al primo bivio con cartello indicatore per i torrioni Magnaghi. Continuare a camminare in piano per un lungo traverso fino ad arrivare ad incontrare il canalone Porta che si risale con tratti semplici di arrampicata sino alla base della parete ovest del Sigaro Dones. (0.45 minuti / 1.15h)

ATTACCO:

Tra Sigaro e Primo Magnaghi, a destra della via Panzeri (evidente fila di fix).

RELAZIONE:

Controlla lo schizzo qui sotto.

DISCESA:

Con 2 doppie da 50m sulla via Panzeri.

SCHIZZO:

img